stick button

angolo bello 20130921 1806907555

L’”angolo bello” della casa, è il luogo domestico
destinato, in particolare in Russia, alla venerazione delle icone
e alla devozione quotidiana.

Per i cristiani ortodossi, un’icona non è solo una raffigurazione del Signore Gesù Cristo, della Madre di Dio, dei santi, o di eventi della storia sacra e della Chiesa. Un’icona è un’immagine sacra, è quindi è al di fuori del regno della realtà ordinaria, ma non è da confondere con la vita quotidiana, ed è destinata esclusivamente alla comunione con Dio. Pertanto, lo scopo primario delle icone è la preghiera. L’icona è una finestra dal nostro mondo, il mondo terreno, sul mondo di sopra. E’ la rivelazione di Dio nella forma e nel colore. 

Sottocategorie

  • Angeli e Santi

    02 - S. Francesco di Assisi

    “Chi è il santo?
    Non un uomo veramente bello,
    che possiede la bellezza effimera della giovinezza,
    ma un uomo che possiede l’unica ed eterna bellezza,
    che scaturisce dal cuore,
    qualora questo cuore sia divenuto uno specchio fedele del Risorto”. (A.Stal’nov)




    • S. Antonio di Padova

      24-santonio padova« A frate Antonio, mio vescovo, frate Francesco augura salute. Mi piace che tu insegni teologia ai nostri fratelli, a condizione però che, a causa di tale studio, non si spenga in esso lo spirito di santa orazione e devozione, com'è prescritto nella regola. »








    • San Nicola

      P1130272San Nicola di Bari, noto anche come san Nicola di Myra, san Nicola dei Lorenesi, san Nicola Magno, san Niccolò e san Nicolò (Patara di Licia, 270 circa – Myra, 6 dicembre 343), fu vescovo di Myra in Licia (oggi Demre, città della Turchia), è venerato come santo dalla Chiesa cattolica, dalla Chiesa ortodossa e da diverse altre confessioni cristiane.



    • S. Francesco di Assisi

      S. FRANCESCO STIMMATIZZATO - particolare«Nelle membra di Francesco, 
      tutto assorto in orazione,
      imprime il Serafino 
      i segni del Crocifisso.
      »








    • Ss. Cosma e Damiano

      S. COSMA« . »








    • San Giovanni Battista

      sgb faccia« . »








  • Madre di Dio

    madre di dio 20130921 1123746448




    “Quando, per la prima volta, la tua immagine fu dipinta dall’annunciatore dei misteri evangelici, Luca, e ti fu portata per essere da te riconosciuta e per conferire ad essa il potere di salvare coloro che ti venerano, tu ti sei rallegrata”

    (dalla Liturgia)





    • Vergine della Tenerezza

      P1120372

      La Madre di Dio della Tenerezza (Eleusa) è uno dei tipi canonici più venerati. La tradizione vuole che nel gesto di intenso affetto fra la Vergine e il Bambino, Cristo sveli alla Madre il mistero della morte e risurrezione; il riverbero del dolore, dell’amore e della serena accettazione della volontà divina si coglie sul volto della Madre.

  • Cristo

    04 - crocifisso di Giunta Pisano

     




    “Chi ha visto me, ha visto anche il Padre”

     

    (Gv 14, 9)

     




    • Cristo - Pantokrator

      09 - Pantokrator PsychosostisIl Cristo Pantocratore (dal greco pas, pasa, pan (tutto), "krateo (dominare con forza, avere in pugno") è una raffigurazione di Gesù tipica dell'arte bizantina ed in genere paleocristiana ed anche medievale, soprattutto presente nei mosaici ed affreschi absidali. Egli è ritratto in atteggiamento maestoso e severo, seduto su un trono, nell'atto di benedire con le tre dita della mano destra, secondo l'uso ortodosso.

       





    • Cristo - Mandylion

      16 - Mandylion

      Il mandylion (greco "μανδύλιον", arabo ﻣﻨﺪﻳﻞ, mandīl) o Immagine di Edessa era un telo, venerato dalle comunità cristiane orientali, sul quale era raffigurato il volto di Gesù. L'immagine era ritenuta di origine miracolosa ed era quindi detta acheropita, cioè "non fatta da mano umana".

       






Go to top