stick button

madre di dio 20130921 1123746448




“Quando, per la prima volta, la tua immagine fu dipinta dall’annunciatore dei misteri evangelici, Luca, e ti fu portata per essere da te riconosciuta e per conferire ad essa il potere di salvare coloro che ti venerano, tu ti sei rallegrata”

(dalla Liturgia)





Madre di Dio

Theotokos, ossia «Genitrice di Dio», è il titolo che il Concilio di Efeso nel 431 attribuisce alla Madonna e che la tradizione orientale ha conservato e prediletto attraverso i secoli.

L’icona della Madre di Dio intende esprimere soprattutto il Mistero della Divina Maternità che la Vergine manifesta nell sguardo doloroso e lieto rivolto al Figlio. La Madre di Dio rappresenta ogni creatura e di ogni creatura è madre che sa accogliere ogni sentimento umano per trasfigurarlo nella preghiera al Figlio. Per tale motivo ella non è mai raffigurata se non insieme al Cristo o in una composizione a Lui collegata.

La Madre di Dio Odighitria sorregge con un braccio il Bambino, indicandolo con l’altra mano come la Via, la Verità e la Vita. Il Bambino ha le fattezze dell’adulto perché è il Dio Eterno, in una mano tiene il rotolo della legge, mentre con l’altra impartisce la benedizione.

La Madre di Dio del Segno leva le mani al cielo in preghiera e porta l’effige del Salvatore Emmanuele sul petto. Si richiama alle parole del profeta Isaia: «Il Signore stesso vi darà un segno. Ecco, la Vergine concepirà e darà alla luce un figlio e gli porrà il nome di Emmanuele» (Is 7,14). L’icona è quindi manifestazione del Dio presente e incarnato nell’umanità di Maria.


 

Madre di Dio; 25 x 34 cm, Collezione Privata, Brindisi, Italia, 2004
Madre di Dio; 25 x 34 cm, Collezione Privata, Brindisi, Italia, 2004
W:244px H:333px S:213.38 KB
Madre di Dio di Kazan
50 x 65 cm, Collezione privata, Roma, Italia, 2007
Madre di Dio di Kazan 50 x 65 cm, Collezione privata, Roma, Italia, 2007
W:473px H:595px S:702.99 KB
Madre di Dio di Giovanni da Taranto
Madre di Dio di Giovanni da Taranto
W:449px H:572px S:710.93 KB
Madre di Dio Platytera; 43 x 47 cm, Collezione Privata, Roma, 2012
Madre di Dio Platytera; 43 x 47 cm, Collezione Privata, Roma, 2012
W:536px H:572px S:720.56 KB
Madre di Dio; 30 x 40 cm, Collezione Privata, Lecce, Italia, 2004
Madre di Dio; 30 x 40 cm, Collezione Privata, Lecce, Italia, 2004
W:352px H:469px S:382.26 KB
Madre di Dio Platytera (particolare); 43 x 47 cm, Collezione Privata, Roma, 2012
Madre di Dio Platytera (particolare); 43 x 47 cm, Collezione Privata, Roma, 2012
W:341px H:444px S:390.87 KB
Madre di Dio; 40 x 60 cm, Collezione Privata, Brindisi, Italia, 2007
Madre di Dio; 40 x 60 cm, Collezione Privata, Brindisi, Italia, 2007
W:452px H:682px S:790.46 KB

  • Vergine della Tenerezza

    P1120372

    La Madre di Dio della Tenerezza (Eleusa) è uno dei tipi canonici più venerati. La tradizione vuole che nel gesto di intenso affetto fra la Vergine e il Bambino, Cristo sveli alla Madre il mistero della morte e risurrezione; il riverbero del dolore, dell’amore e della serena accettazione della volontà divina si coglie sul volto della Madre.

Go to top