stick button

Antonio de Benedictis

Antonio De Benedictis vive tra Roma e Brindisi, dove svolge l’attività di iconografo dal 1992, quando ha frequentato i primi corsi di iconografia a Trento, sotto la guida dei maestri Giovanni Mezzalira e Fabio Nones.

Contemporaneamente all’iconografia e come approfondimento della sua esperienza di fede, ha frequentato lo “Studio Teologico Interreligioso Pugliese” di Bari e nel 1994 è diventato baccelliere in teologia. Lo studio della teologia è stato un elemento inscindibile dall’iconografia, dal momento che l’iconografo è anche un teologo, non solo un artista.

In seguito ha approfondito il cammino artistico e spirituale sotto la guida del maestro greco Kostantinos Xenopoulos, dei maestri italiani Giovanni Raffa e Laura Renzi, e del maestro russo Alexander Stal’nov durante i suoi corsi tenuti in Italia.

Ha iniziato a dipingere icone perché profondamente attratto dalla spiritualità di queste immagini: le icone infatti celebrano le nozze tra la Verità e la Bellezza di Dio e offrono una visione che illumina la mente e coinvolge il cuore.

Successivamente ha scoperto che dipingere icone è una vera e propria “vocazione” nella Chiesa e per la Chiesa e così divide il suo tempo tra realizzazione di icone e trasmissione di questa arte attraverso l’insegnamento della sua dimensione teologica e dei suoi aspetti tecnici.

Preghiera dell'Iconografo

O Divino Maestro,La preghiera dell'iconografo

fervido artefice di tutto il creato,

illumina lo sguardo del tuo servitore,

custodisci il suo cuore,

reggi e governa la sua mano,

affinché degnamente e con perfezione

possa rappresentare la tua immagine

per la gloria, la gioia e la bellezza

della tua santa Chiesa.

Go to top